sabato 7 giugno 2008

Fuga sull'Isola Polvese, #2

I Ruderi del Convento degli Olivetani
Isola Polvese - Lago Trasimeno - Perugia


Acquerello e matita su carta

Giugno 2008

6 commenti:

capitan-kozmo ha detto...

molto bello.
molto molto.
bella la molteplicità dei verdi.


[che carta usi, prevalentemente?]

Luc ha detto...

questo che mi dici mi riempie di soddisfazione. per me i verdi sono una vera bestia nera. sono i colori più difficili da maneggiare. mai darli puri, e hanno una facilità a sfuggir di mano spaventosa.
riguardo la carta la mia preferita è la Moulin du Coq Le bleu, introvabile in Italia. L'ho conosciuta su indicazione di Gipi e da allora quando posso la uso. La compro o la faccio comprare in Francia, quando è possibile. Ha una capacità di tenere l'acqua e le velature sovrapposte eccezionale. con 4-5 velature ha ancora una resa eccellente, ed imbarca pochissimo. Poi utilizzo anche la Arches, sia grana fine che grossa in genere da 300 gr/mq, oppure per le grandi dimensioni la fabriano A4 da 600gr/mq ruvida.
Questa che ho utilizzato all'isola Polvese è della carta che mi han portato degli amici comprandola a Nizza, mai vista prima. Val de Sorgue grana fine 300 gr/mq. Non è eccezionale, ma può andare.
Ma in generale mi piace provare la carta, sono sempre alla ricerca di "buone" novità.
Magari una volta faccio un post tecnico sui materiale che utilizzo, ammesso che possa interessare.

M@Mi ha detto...

Eccome se interessa!!! sono tutt'occhi e coloretti!!!
(se dico stupendo sono monotona, ma lo devo dire ...)
^_^
M@

capitan-kozmo ha detto...

interessa eccome!
io uso normalmente della carta non eccezionale, e a volte mi è capitato di usarne di pessima, e la differenza si sente tutta.
Certo, non è che la carta bella renda bravi, ma si sa: noialtri siamo un po' fissati con 'ste cose :-D

cooperativa ha detto...

Opero su Isola Polvese nei servizi per scuole e turisti. Mi piacciono molto i cromatismi che hai utilizzato per la rappresentazione del campanile di San Secondo. Rendono il valore paesaggistico dell'area.
Complimenti. Salvatore

Luc ha detto...

@cooperativa> Salvatore, grazie del commento. Sono contento che ti sia piaciuto l'acquerello.
Quando l'ho fatto ero da solo, nel silenzio incredibile del tardo pomeriggio, all'inizio della discesa che porta al vecchio convento. Il cielo si era un poco rannuvolato e minacciava pioggia. Un'atmosfera bellissima, che forse è passata nel disegno.
Appena ho finito ha iniziato a gocciolare e di corsa son tornato al Poggio mezzo fradicio, ma contento ;^).
Posterò qualche altra cosa che ho fatto sempre in quei giorni passati lì.
La Polvese è un vero paradiso e mi fa piacere veramente che sia valorizzata con un approccio e delle attività eco-compatibili.
Buon lavoro a Voi della Cooperativa, e magari ci si vede sull'isola !!