mercoledì 2 aprile 2008

Fuggire dalle parole

le parole dei libri, le frasi, mi inseguono, a notte nei sogni
come onde, come una mano d'acqua enorme e scura,
che mi vuole ghermire.

chissà se mi sveglierò



China a pennello, Penna Pilot G-Tec-C4 su Moleskine
Aprile 2008

10 commenti:

Fabrizio ha detto...

grandissima forza evocativa.
Nel mare delle parole sguazziamo paciosi, lasciandoci cullare dalla corrente.
Fino a che non si solleva impetuosa l'onda.
Ma che bello, una volta messi in salvo, perdersi nell'infrangersi scrosciante contro la scogliera, assaporando quel retrogusto amaro di sassolini trascinati dalla risacca!

nasten'ka ha detto...

il mio babbo luc stupisce ancora!
solo tu puoi fare di queste cose!!!

Merisi ha detto...

Ma cosa stai leggendo, ragazzo?

(Funny, last night I dreamed a series of sursprisingly frightful scenes. In one of them my pet lion go agressive of all of sudden. Nothing against your wave of words though! *g*)

M@Mi ha detto...

abbiamo avuto la stessa idea :-D e di ciò mi sento molto orgogliosa!la tua è più bella però!
DECISAMENTE più bella!

http://meibiforse.blogspot.com/2007/07/sig-meibi9.html

M@Mi ha detto...

Ops, sorrypardonescusemuà, ho invaito senza salutare!
così posso ridire FANTASTICO!

^__^
M@

...
...
Ecco, ora va bene! :°D
M.

edilavorochefai ha detto...

belli questi neri..

edilavorochefai ha detto...

no, non sbagli..la moleskine e l'acquerello fanno quasi sempre a botte..io infatti non ne faccio un uso canonico..do dei tocchi velocissimi..prima che la carta se ne accorga..
:))

allora ci vediamo al comicon..

Pasquale La Forgia ha detto...

splendido, luc!

Luc ha detto...

@fabrizio> è che a volte la massa di parole ci travolgono. le voci, quelle dei libri, la radio, le persone più o meno vicine e lontane, insomma il mondo. e neanche il sonno ci ripara dall'affollarsi dei pensieri. allora qualcosa che mitiga è cercare di dirigere questo in un'immagine che sia quasi terapeutica. dopo stai meglio.

@nasten'ka> solo io non lo so, ma sono contento che tu ti stupisca. lo stupore è una sensazione meravigliosa. gurada che aspetto una tua mail dettagliata, eh !!!

@merisi > in questo momento in realtà sto leggendo un romanzo di cappa e spada ambientato nella Parigi dei moschettieri (Spada di Ferrandino). ma il libro è una metafora in realtà ...

@mami > visto ;^) ... ognuno usa i mezzi che ha, conta il messaggio. ed inquesto anche il tuo colpisce. cmq grazie ... come va con lo studio, si procede ?

@edilavorochefai > grazie, cara. la china è sempre la china, anche se il cartoncino delle moleskine assorbe in modo strano. lascia il segno forte della pennellata, forse troppo. e a me non piace andarci giù di fotosciòp per appiattirlo.

@laforgia "il grande" > grazie pasquale. da te fanno un sommo piacere i complimenti.

M@Mi ha detto...

...come va con lo studio, si procede ?
lalalaaaaaaa.... e fischiettando con fare indifferente, sbattè le cigliette e rispose: "eh, cosa? quando? come? chi? non ho capito, ma chi io? ..."

:-P
eheheheh
uffs

Sicuramente Meibi nasce con un intento e per scelta, tempi ed anche di immediatezza, non è accurato. Ma non c'è dubbio che questa sia una illustrazione di un'efficacia sorprendente! ed è bellissima sia per il significato sia per la realizzazione!
mi piace guardarla anche da lontano perchè ha un volume e un dinamismo strepitoso!
insomma, DICIAMOLO! sto rosikando che è piuissimo bella millemila volte la tua! ahahahaahha
:°D

..sigh
;)
M@