martedì 6 novembre 2007

Quel che resta della Lucca Comics 2007

E alla fine Lucca anche quest'anno è andata. E bene, direi, anche se è il solito delirio di persone e fumetti. Si arriva a Lucca il venerdì a ora di pranzo. Splendido tempo, sole e caldo, colori autunnali con i gialli che virano già sui rossi bruciati. Appena arrivato mi faccio subito un giro per prendere le novità, in modo da lasciar tempo per le chiacchiere ed i saluti agli amici.
Appuntamento con Antonio (IoDisegno), con cui ho condiviso gran parte delle mie giornate lucchesi. Decidiamo in modo quasi inconscio di fare dello stand Coconino [quest'anno un pochino più piccolo, e con meno novità], il nostro piccolo porticciolo dove ritrovarsi dopo le escursioni a caccia di persone o novità editoriali. E alla Coconino, gran folla di "Intrusi". Questi giovani lupi del fumetto, son stati addomesticati a dovere da babbo Igort. E messi a lavorare fino ad avere il polso slogato. Nonostante questo però, sia Pasquale che Roberto (i La Forgia Bros, orgoglio del sud in terra padano/veneta) ed il fiorentino Francesco (Kiakkio) ma "polignanese" di adozione, hanno trovato il momento per le presentazioni e le chiacchiere. A Francesco, in particolare, ho fatto la sorpresa di portare il libro sui ritratti dei jazzisti con i suoi disegni, che ha mi ha piacevolmente (almeno per me!!) disegnato ed autografato (grazie FRA!!!). Ho chiacchierato un pochino, e sempre con grande piacere, con Gipi, quest'anno libero da presentazioni di nuovi lavori, e molto "mobile". Aveva un vero pacco di tavole della sua nuova e urgente creazione LMVDM, e di questo abbiamo disquisito, oltre che di tecnica "acquerellesca". E oltre a farmi i complimenti (che te lo devo dire, fatti da te, mi imbarazzano alquanto), mi ha ribadito il suo pensiero sul segreto dell'acquerello, con cui mi son trovato subito d'accordo. Il segreto per fare gli acquerelli "è essere vecchi" (almeno in questo un piccolo vantaggio c'è ;^). Antonio ha promesso su questo di confezionare e regalarci una T-shirt sul tema (non mancare alla promessa, eh?!!).
Poi ho conosciuto "El Tofo". Al secolo, come si dice sui giornali, Davide Toffolo, disegnatore, chitarrista e cantante di grande maestria. Almeno come disegnatore, perchè come musicista non lo conosco. Ha una band che si chiama "Tre Allegri Ragazzi Morti", che mi riprometto di ascoltare, e spero, apprezzare. El Tofo, è persona di grande tranquillità e simpatia. Si era messo da parte la copia del suo ultimo libro con la mia dedica perchè non gli piaceva come era venuto il disegno. Così Sabato l'ha ripreso e terminato ritoccandolo alla grande. Purtroppo ho scambiato solo poche parole con un Igort in grande spolvero, molto dimagrito e con una linea quasi perfetta (ancora due o tre chili e sei pronto per le sfilate in passerella, fratello ;^). Forse perchè sempre in giro ed indaffarato, oltre che arrabbiato per non aver potuto contare sulla presentazione del suo nuovo disco (ebbene si, anche lui oltre a disegnare suona !!). I CD non son stati stampati in tempo. E proprio sul molo della Coconino, ho re-incontrato il buon Duccio (Bardamu), con cui è sempre piacevole spendere del tempo a chiacchierare di tutto. E a pranzo ci siam fatti anche delle belle risate a veder come erano conciati alcuni dei cosplayer, che sembra faccian di tutto per soffrire il più possibile, dentro armature e costumi assolutamente allucinanti, che sono il loro "cilicio". Siete ammirevoli, ragazzi e ragazze, per come sapete soffrire, anche se dopo un po' rompete perchè siete veramente tantissimi e intasate tutte le strade di Lucca, che non si riesce neanche a passare. Invece fuori dal padiglione Napoleone e un po' defilato era lo stand della Bloom dove il buon Francesco Ciampi in arte Ausonia, cercava di assolvere al suo dovere di autore e disegnatore combattendo contro una stanchezza da notti folli annaffiate da alcool. Nonostante questo, Francesco è sempre di una dolcezza disarmante, sorridente e pronto a far quattro chiacchiere. Un artista eccelso, oltre che una gran bella persona. E lì vicino, allo stand dello Scarabeo, c'era la "signora del bosco" con i sui tarocchi bellissimi. La biondissima Lucia Mattioli, sorridente ed in forma. Son passato più volte a salutarla e farle vedere alcuni miei lavori, e lei è stata veramente prodiga di consigli e critiche, sia questi che quelle elargite con la stessa affettuosa naturalezza e dolcezza, tanto da farti sentire solo desideroso di riceverle, sopratutto le critiche, che son quelle che fan crescere (grazie Lucina!!!). Poi, altre piacevoli soste con chiacchiere allo stand di Tunuè, sempre pieno di gente e buone cose da leggere. Qui ho rivisto Niccolò che è sempre tanto simpatico e disponibile. E dopo alla 001 dove un vecchissimo ma sorridente Solano Lopez, vero mito vivente, era ancora lì ad autografare i suoi libri. E ancora Canicola, dove un vero gigante del fumetto attuale, Andrea Bruno, autografava silenzioso e sorridente i suoi volumi, con un Edo Chieregato sempre disponibile a chiacchierare ed illustrare il lavoro (veramente egregio, dico io) che questo piccolissimo gruppo porta avanti.
Tra un andata ed un ritorno dal porto Coconino, c'è stato un'altro grande re-incontro con Simone (3tre) mago della grafica e dell'illustrazione, ma di una simpatia e piacevolezza nella conversazione grandiose. E' un disegnatore a cui "fumano", ma lui è di una umiltà assoluta.
Poi, è arrivata la sera e alle 19:00 a fatica gli steward ci han buttato fuori dai padiglioni. Ci siam ritrovati con il buon Nomad, che aveva organizzato al volo una pizza a Viareggio. Anche qui nuove conoscenze. Disegnini e dediche sulla mia moleskine. E chiacchiere fino quasi a farci cacciare per la chiusura. Poi di nuovo Lucca al pub della festa BD, dove allegramente alticcia c'era tutta la crema del fumetto italiano e dintorni, compreso il buon Maurizio Santucci (Bombo!). Ancora chiacchiere, e per me solo la "Sciuepps". Tra una cosa e l'altra si son fatte le tre e io e Antonio abbiam diretto la nosta barchetta verso l'albergo di Montecatini, tentando di dormire almeno qualche ora prima di una seconda giornata nella bolgia. Sabato ancora una meravigliosa mattina di sole ha riscaldato la mostra. Ho incontrato al volo Emo, e poi ancora altre persone e stand. Ho completato alcune compere e allo stand del Grifo, Antonio mi ha fatto conoscere quel mito che è Vittorio Giardino. Poi verso il primo pomeriggio dopo un ultimissimo veloce giro di saluti sono andato a recuperare la macchina vicino la stazione ferroviaria. E questa è stata l'ultima immagine che mi è rimasta della Lucca del 2007.


Tornando a casa ho ripensato a tutti gli amici incontrati, a come stavano, alle cose che ci siam detti. E a tutti quelli che non son riuscito ad incontrare. Bruno (scusami, ma avevo dimenticato il tuo numero a casa, t'ho cercato a Tunuè ma eri in giro), e Mastro (son venuto più volte al Vernacoliere, ma non c'eri mai). Poi un sacco di stand dove non son riuscito ad andare, volevo ripassare alla ProGlo a salutare Villotta (scusami tanto). Andare all'incontro presentazione delle blogger Julette (Giulia Sagramola) e FumettiSottoVuoto (Federica del Proposto). Alla mostra di Pratt (che per fortuna avevo visto a Siena due anni fa).
Ma è sempre così. Il tempo a Lucca ha un'altra dimensione. E' corto. Come il "Maltese". E quindi della natura del sogno. Come la Lucca Comics (and games, ma questa parte io non la frequento mai).

9 commenti:

francesca ha detto...

grazie per questo tuo resoconto analitico appassionato ed analitico... è stato come esserci per un po'
:)

federica ha detto...

ciao luc! tu c'eri???
ero seriaseria, mi dicono. :)))

Luc ha detto...

@francesca > mi fa piacere che ti è piaciuto
@federica (the vacuum-tube-lady e non è una brutta parola !!)> Ebbene si c'ero. Ma non alla vs presentazione.
Credo di aver capito chi sei. Eri alla festa BD (con i LaForgia Bros e Kiakkio, fuori dal pub, giacca avento verdina ? frangetta mora ?).
SE eri tu quella, è vero che eri seria seria !!! T'avevano fatto arrabbiare ? ;^))
Cmq mi piace il tuo lavoro, pieno di ironia. Brava. La prossima volta mi paleso e mi presento!!!

tre - | ...| ha detto...

lo conosco quell'albero!!
haha, sempre piacevole anche per me le chiacchierate che ci siamo fatti!

3re - | ...|

Bruno ha detto...

Bel resoconto, vorrei trovare anch'io il tempo per redigerne uno così, magari a fumetti!
Nel nostro piccolo però, anche noi ne abbiamo fatto uno surreale, come il Cisponi Style impone. Perché sappi che se anche tu nella vita hai avuto un Cisponi al qual avresti voluto dire ciò che vuoi, sappi che adesso puoi farlo sul Blog di Cisponi.
Non indugiare, approfittane!
;-)

federica ha detto...

ahahha!!! si, si, ero proprio quella!
giacca a vento verdepisello/marrone, capello nero corto, occhio mongolo, fratelli laforgias+kiakkio vicini!
no, non ero arrabbiata, era solo sonno! mmm... e alcol! :DD
the vacuum tube lady mi piace.

Luc ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
grandtour ha detto...

è bellissimo questo disegno, l'hai fatto tu?

Luc ha detto...

si è mio antonella. come tutti quelli che sono qui dentro ;^))
A Lucca allora anche quest'anno !!!